Lunedì 14 dicembre un nuovo appuntamento online con la Consulta per approfondire le monete dei Gepidi, fra imitazione e innovazione tipologica

 

Il professor Michele Asolati, dell'Università degli Studi di Padova, è il relatove della prossima conferenza online della Consulta universitaria italiana di numismatica
Il professor Michele Asolati, dell’Università degli Studi di Padova, è il relatove della prossima conferenza online della Consulta universitaria italiana di numismatica

di Antonio Castellani | Lunedì 14 dicembre il quarto appuntamento con le lezioni e conferenze online della Consulta universitaria italiana di numismatica che proseguiranno fino al maggio 2021. Google Meet è la piattaforma per gli incontri online e di volta in volta gli interessati potranno ricevere il link per la partecipazione – del tutto gratuita – semplicemente inviando una mail all’indirizzo di posta elettronica segretario@consultanumismatica.it.

Si tratta, come ormai noto ai nostri lettori, di un ciclo che integra e affianca la normale attività accademica dei tanti relatori in scaletta creando un virtuoso circuito sia di interscambio tra le cattedre universitare e gli insegnamenti di numismatica dei nostri atenei, sia uno spazio aperto a cultori della scienza delle monete, collezionisti, appassionati.

Con orario 17-19, lunedì 14 dicembre, Michele Asolati (Università degli Studi di Padova) svilupperà il tema La monetazione dei Gepidi, tra “imitazione” e innovazione tipologica.

Tre esemplari di moneta da mezza siliqua di imitazione coniati dai Gepidi
Tre esemplari di moneta da mezza siliqua di imitazione coniati dai Gepidi

I Gepidi, tribù germanica di stirpe gotica, sono ricordati soprattutto per aver sconfitto gli Unni dopo la morte di Attila.

L’ultimo re dei Gepidi fu Cunimondo che, dopo alcune vittorie contro i Longobardi, fu sconfitto e ucciso nel 567 nel tentativo di riavere la figlia Rosmunda, rapita da Alboino. Quest’ultimo, secondo una tradizione del suo popolo, ricavò una coppa dal cranio di Cunimondo, obbligando Rosmunda a bere dal cranio del padre. La donna sarebbe diventata regina dei Longobardi vendicando il padre, facendo uccidere Alboino nel 572.

Se volete visitare il sito della Consulta universitaria italiana di numismatica, invece, cliccate qui. Invece, per accedere alla pagina Facebook della CoiN, potere cliccare qui.