ATENE: una moneta da 10 EURO per il meccanismo di ANTIKYTHERA

174

Uno dei reperti più misteriosi dell’antichità, il meccanismo di Antikythera, sulla nuova emissione di Grecia dedicata alla tecnologia del passato

 

di Mathias Paoletti | Il 17 maggio 1902, vicino all’isola di Cerigotto, tra il Peloponneso e Creta, fu localizzato il relitto di una nave romana. Negli anni vennero alla luce diversi reperti e, tra questi, il più noto è un congegno noto oggi come meccanismo di Antikythera.

Non fu facile, all’inizio, capire cosa fosse, perché le 82 parti in rame di cui è composto erano corrose e danneggiate. Con un lungo restauro ne venne ricostruita struttura e risultò evidente che si trattava di un complesso congegno che permetteva di riprodurre il moto dei pianeti attorno al Sole e la fasi lunari e che risaliva al primo secolo avanti Cristo!

Il più grande dei tre frammenti ricostruiti del meccanismo di Antikythera esposto al Museo archeologico di Atene: un esempio incredibile di abilità ingegneristica dell'età classica
Il più grande dei tre frammenti ricostruiti del meccanismo di Antikythera esposto al Museo archeologico di Atene: un esempio incredibile di abilità ingegneristica dell’età classica

Nel 2008, Alexander Jones, uno studioso americano, riuscì a tradurre alcune iscrizioni scoprendo che i nomi dei mesi incisi sul meccanismo di Antikythera erano quelli utilizzati nelle colonie, in particolare a Siracusa, in Sicilia. Dunque, questo eccezionale stumento potrebbe essere stato costruito in Sicilia.

Nel 2010 si è scoperto poi che la macchina calcola le eclissi, oltre alle fasi lunari e il moto dei pianeti (i cinque noti a quel tempo). Ma c’è di più: dall’interpretazione di alcune incisioni sulla macchina stessa si è capito che indicava esattamente le date delle Olimpiadi e dei giochi panellenici associate.

Ce n’è abbastanza per capire il motivo per cui la Grecia ha deciso di dedicare una moneta al meccanismo di Antikhytera: si tratta di una 10 euro in argento proof (mm 40,00 per g 34,10) appena emessi in soli 2000 esemplari e sul cui rovescio il prodigioso esempio di ingegneria antica appare riprodotto a colori con iscrizioni in greco che riportano il nome della serie numismatica e quello del soggetto riprodotto.

Il dritto della nuova serie di euro monete commemorative – che sarà comune a tutte le emissioni di questa tematica ideata dalla Banca di Grecia – mostra lo stemma ellenico e il nome del paese entro una composizione che richiama i moderni microchip. Come dire, dall’high tech di ieri a quello di oggi!