Dalla Germania un TESORO CELTICO di “coppe dell’arcobaleno”

461

Sono 41 le monete a “coppa dell’arcobaleno” risalenti a duemila anni fa che compongono un tesoro rinvenuto nel Brandeburgo e che intriga gli archeologi

 

a cura della redazione | Un tesoro monete celtiche, “il cui valore doveva essere immenso”, è stato scoperto nel Brandeburgo, Germania nord-orientale. Le monete sono concave, una caratteristica che ha ispirato il nome tedesco “Regenbogenschüsselchen“, che si traduce in “coppe dell’arcobaleno” in relazione all’antica leggenda secondo cui ci sarebbe una pentola d’oro alla fine di ogni arcobaleno.

In una intervista a Live Science Marjanko Pilekić, numismatico presso la Gotha Foundation che ha studiato il tesoro, le “coppe dell’arcobaleno cadevano direttamente dal cielo ed erano considerate portafortuna e oggetti con un effetto miracoloso”.

Un tesoro svelato quasi cinque anni dopo il ritrovamento

Anche se la notizia del rinvenimento è stata diffusa da poche settimane, il tesoro è stato scoperto da Wolfgang Herkt vicino al villaggio di Baitz nel 2017. Dopo che Herkt ha ottenuto il permesso da un proprietario terriero di effettuare una ricognizione, ha notato qualcosa di brillante che, “gli ricordava il coperchio di una piccola bottiglia di liquore”.

arcobaleno
Alcune delle 41 monete celtiche in oro a forma di “coppa dell’arcobaleno” rinvenute nella regione del Brandeburgo, in Germania, nel 2017 e di cui è stata data notizia di recente

Dopo aver trovato altre 10 monete, Herkt riferì la scoperta alle autorità, i cui archeologi portarono il totale del tesoro a 41 monete. Confrontando il peso e le dimensioni delle monete con esemplari già noti di “coppe dell’arcobaleno”, Pilekić è riuscitro a datare il tesoro tra il 125 a.C. e 30 a.C., durante la tarda età del ferro.

Tuttavia, i Celti non vivevano nel Brandeburgo, quindi la scoperta suggerisce che l’Europa dell’età del ferro avesse vaste reti commerciali. Delle 41 monete d’oro, 19 sono monete stateri, che hanno un diametro di circa 2 centimetri e un peso medio di 7,3 grammi, e 22 sono quarti di statere, con diametro di circa 1,4 centimetri e peso medio 1,8 grammi.

Quelle celtiche così “lontane da casa”, un mistero da indagare

Poiché le monete del tesoro – tutte anepigrafi – sono tra loro molto simili, è probabile che il gruzzolo sia occultato tutto in una volta. Tuttavia, resta un mistero il motivo per cui questo insieme sia finito nel sottosuolo del Brandeburgo.

“È raro trovare monete d’oro nel Brandeburgo, e nessuno si sarebbe aspettato dell’oro di origine celtica”, ha detto Pilekić. “Questa scoperta estende l’area di circolazione di questi tipi di monete e cercheremo dunque di scoprire cosa potrebbe dirci il tesoro che, ancora, non siamo in grado di sapere”.

Per saperne di più su altri tesori numismatici leggi le nostre news cliccando qui.