In asta Künker un eccezionale esemplare da 10 rubli in oro del 1757 inciso dal Dassier e proveniente dalla collezione Hutten-Czapski

 

a cura della redazione | Il 3 agosto 1765, il grande incisore ginevrino Jacques-Antoine Dassier firmava un contratto che lo impegnava a recarsi nella lontana Russia per prestare la sua opera come creatore di coni. Cosa lo aveva portato a questa decisione? Perché l’imperatrice Elisabetta, figlia di Pietro il Grande, aveva scelto proprio lui, tra tutti gli artisti di zecca, per disegnare monete e medaglie alla sua corte?

Come conquistarsi degli amici a corte…

Un orafo ginevrino di nome Jérémie Pauzié che lavorava alla corte di Elisabetta ci ha lasciato la sua versione dei fatti. Nelle sue memorie racconta di essere tornato nella sua città natale negli anni 1750 e 1751. A Ginevra, che già era in un certo senso il fulcro della “industria del lusso”, colse l’occasione per fare alcuni acquisti. Sapeva che i prodotti ginevrini, come orologi e gioielli, avrebbero incontrato una forte domanda in Russia.

Una meta del suo “shopping sfrenato” fu lo studio di Jean Dassier, all’epoca già 84enne, dove acquistò numerose medaglie. Queste dovevano aiutare Pauzié ad ingraziarsi alcuni personaggi influenti in modo da ottenere un impiego per suo figlio.

Di ritorno a Pietroburgo, Pauzié fu accolto da Ivan Ivanovich Shuvalov, un favorito e amante dell’imperatrice, che volle vedere cosa aveva portato da Ginevra. Pauzié gli mostrò le medaglie di Dassier e Shuvalov ne fu entusiasta: “Se l’imperatrice le vede, è certo che sua maestà le comprerà immediatamente”. Di conseguenza, Pauzié fece omaggio delle medaglie a Shuvalov (non senza secondi fini) dicendo di aver portato un secondo set per sua maestà.

A sinistra, ritratto del conte Ivan Ivanovich Shuvalov dipinto da Fyodor Rokotov; a destra, ritratto di anonimo della fine del XVIII secolo di Montesquieu

Non sorprende che Pauzié sia ​​stato ricevuto immediatamente dall’imperatrice, ansiosa di vedere le cose preziose portate da Ginevra. Pauzié le dispose davanti a lei: un uovo d’oro ornato di pietre preziose disposte a forma di doppia aquila imperiale con il nome di Elisabetta, un grazioso ciondolo e un anello con all’interno un minuscolo orologio di Jean-Jacques Pallard.

L’imperatrice era in estasi, chiese di vedere la fattura e, senza esitare, accettò di pagare i 12.000 rubli richiesti (per intenderci sul valore, un’insegnante dell’Accademia delle Arti fondata da Shuvalov guadagnava appena mille rubli all’anno). Successivamente, Pauzié, secondo quanto riferito, regalò all’imperatrice le medaglie del laboratorio di Dassier ed essa ne fu così entusiasta che insistette per avere Dassier alla sua corte.

Una nuova politica culturale per la Russia

Non sappiamo se le cose siano andate davvero così o se Pauzié volesse solo meritarsi gli elogi per aver portato Dassier in Russia. In ogni caso, la sua nomina procedette di pari passo con la politica culturale di Shuvalov che si orientava verso i paesi di lingua francese.

Per i suoi contemporanei, Ivan Ivanovich Shuvalov fu il patrono dell’Illuminismo russo. Era in corrispondenza con Voltaire e gli editori dell’Encyclopédie, Diderot e d’Alembert; aiutò Mikhail Lomonosov nella fondazione di un’università a Mosca, fondò un giornale completamente russo e sognava anche di creare un’accademia d’arte nel suo palazzo.

Una stampa che immortala una festa di corte con fuochi d’artificio sotto Caterina la Grande, organizzata da Jacob Staehlin, il 28 giugno 1763

Uno dei maestri che portò in Russia per questo scopo fu infatti il ​​figlio di Jean Dassier, Jacques-Antoine, all’epoca sicuramente tra i più noti ritrattisti e incisori di tutta Europa. Apparteneva a una famosa dinastia ginevrina di artisti del bulino che si guadagnavano da vivere creando opere d’arte numismatiche raccolte in tutta Europa. Le loro serie di medaglie sui famosi riformatori, sulle celebrità dell’era Luigi XV, sui re britannici o sulla storia romana – solo per citarne alcuni – erano degli autentici “bestseller”.

Solo tre anni prima, Jacques-Antoine Dassier aveva catturato l’attenzione della società colta con la sua rappresentazione di Montesquieu quasi cieco, considerata “geniale”. Così, la sua nomina alla corte di Pietroburgo – con o senza l’aiuto di Pauzié – fu sicuramente un colpo di fortuna da sfruttare al meglio.

Capo incisore della zecca di San Pietroburgo

Il diretto superiore di Dassier non era Shuvalov, ma Jacob Staehlin. Con le parole di oggi, probabilmente descriveremmo meglio i suoi compiti come ciò che è noto come marketing e pubbliche relazioni. Ad esempio, Staehlin creò gli archi trionfali in legno e le decorazioni che necessarie per tutte le celebrazioni imperiali.

Inoltre, creò emblemi e monumenti tombali e concepì perfino a opere d’arte “estemporanee” come spettacoli di fuochi d’artificio, un elemento indispensabile di ogni festa di corte. Rappresentava quella che oggi chiameremmo la “identità aziendale” della corte, assicurandosi che l’aspetto dell’imperatrice fosse sempre impeccabile, indipendentemente dalle circostanze.

I suoi compiti includevano la supervisione della produzione di monete e medaglie e la definizione delle iscrizioni e dei soggetti, e così divenne il superiore di Jacques-Antoine Dassier. Sappiamo che i due artisti andavano perfettamente d’accordo. E grazie agli scritti di Staehlin, siamo molto ben informati sul lavoro di Dassier.

Russia, Elisabetta (1741-1761) 10 rubli, 1757, San Pietroburgo, su coni di Jacques-Antoine Dassier. Con contromarca della collezione Hutten-Czapski al dritto. Molto rara. Stima € 15.000, in asta Künker 346 del 28 gennaio 2021, lotto n. 591

Dopo il suo arrivo, Dassier si applicò a tre progetti: una medaglia oggi estremamente rara per il suo patrono Shuvalov, i conii del rublo e quelli per l’eccezionale esemplarfe che viene offerto a Künker il 28 gennaio 2021, una moneta da 10 rubli in oro del 1757.

Compiti e reddito di Dassier

Dassier non era stato impiegato solo per realizzare conii. Il suo contratto di due anni stabiliva specificamente che avrebbe dovuto insegnare “l’arte di incidere monete e medaglie a tutti gli studenti russi come richiesto”. Per questo, veniva pagato 2500 rubli all’anno, più 250 ducati olandesi per coprire le spese di viaggio e altri 500 rubli per il un assistente che lo avrebbe sostenuto nel suo lavoro. Inoltre, probabilmente godeva anche di un alloggio gratuito.

Dopo due anni, Dassier rinegoziò il contratto, passando ad uno stipendio annuo di 3000 rubli, più 500 rubli per ogni conio completato. Ciò è tanto più sorprendente in quanto si è scoperto che, a causa della sua tubercolosi in continuo peggioramento, Dassier non era in realtà in grado di insegnare ai giovani artisti su base regolare.

Nel frattempo, Staehlin e Shuvalov avrebbero anche voluto la partecipazione dell’artista alla realizzazione di a una serie di medaglie – da 150 a 180 articoli – dedicata alle conquiste di Pietro il Grande. A quel punto, però, Jacques-Antoine Dassier era già così malato che desiderava solo tornare a casa. Nell’autunno del 1759 salì su una nave inglese, ma arrivò solo a Copenaghen. Testimonianza della sua fama è il fatto che il primo ministro danese ospitò Dassier nella sua propria, dove il maestro del bulino morì il 21 ottobre 1759.

A sinistra un ritratto dell’eminente collezionista numismatico Emeryk Hutten-Czapski (1828-1896); a destra, il minuscolo segno sulla moneta da 10 rubli 1757 che ne denuncia la provenienza dalla raccolta polacca

Una moneta dal pedigree eccezionale

La moneta offerta da Künker, testimonianza delle attività di Jacques-Antoine Dassier in Russia, faceva parte della collezione del conte (e numismatico) Emeryk Hutten-Czapski, come si può notare dalla piccola contromarca distintiva del collezionista. Questo nobile polacco, che ha dato il nome al museo numismatico di Cracovia, lavorava nell’amministrazione statale russa e raccolse una vasta collezione di monete e medaglie che vendette tra il 1882 e il 1884 per espandere la raccolta del suo paese, la Polonia.

Già nel 2017 Künker ha offerto un rublo di Pietro il Grande datato 1707 ex collezione Hutten-Czapski. Nel 2019 c’era invece una serie di tre monete di platino della collezione Hutten-Czapski, sempre in una vendita Künker. Il rublo è stato venduto per 290.000 euro, la serie in platino per 750.000. Quale prezzo sopunterà il pezzo da 10 rubli Dassier?

Per accedere al sito della casa d’aste Künker  clicca qui.