La Società numismatica italiana presenta “COMUNICAZIONE 80”

162

Sono sette gli articoli del fascicolo di studi Comunicazione 80 edito e reso gratuitamente disponibile online dalla Società numismatica italiana

 

a cura della redazione | È disponibile cliccando qui, nel sito della Società numismatica italiana, il Pdf scaricabile del nuovo bollettino Comunicazione 80 (ISSN 1126-8697) edito interamente a colori, di cui vi proponiamo qui di seguito l’indice degli articoli pubblicati.

Ricordiamo che il Consiglio direttivo della SNI premierà i tre articoli giudicati dalla redazione di migliore qualità con un riconoscimento economico di 200 euro ciascuno e con tre numeri arretrati della Rivista italiana di numismatica.

Venendo ai contenuti di Comunicazione 80, fascicolo appena uscito, ecco l’elenco degli articoli proposti, quest’anno in numero di sette, per la maggior parte a firma di giovani studiosi di numismatica e medaglistica.

comunicazione 80Si spazia dalle considerazioni storiche ed iconografiche su una serie di monete romane all’analisi di materiali di rinvenimento, dalla segnalazione di inediti ad un approfondimento su un’interessante medaglie del XX secolo.

  • Raffaele Iula, Un sesterzio di Caligola.
  • Alessandro Bona, Una rara mezza siliqua anonima di età teodosiana dagli scavi nei cortili dell’Università Cattolica di Milano.
  • Alain Gennari, Valentiniano III: un’inedita emissione in bronzo dalla zecca di Ravenna?
  • Dario Ferro e Luca Oddone, Falsari e tosatori ad Asti. II parte: catalogo delle monete (secc. XII-XV) e analisi archeometriche preliminari.
  • Antonio Rimoldi, La monetazione tradizionale di Carlo V per Milano.
  • Mario Veronesi, Una moneta inedita emessa dalla zecca di Carmagnola a nome di Gabriele di Saluzzo, ultimo marchese.
  • Diego D’Elia, La medaglia del Gruppo Carabinieri Reali dell’Egeo.

Anche Comunicazione 80, come i numeri precedenti dal 2020 in poi, incorpora una dotazione tecnologica: la bibliografia degli articoli, infatti, è completata da un QR-Code che, inquadrato con lo smartphone, fornisce l’accesso immediato alla fonte digitale.