Novi Ligure, Festa della MONETA e delle FIERE DI CAMBIO

278

Quattro giornate per un viaggio nel Seicento, con la moneta come protagonista, quando Novi Ligure era una delle capitali finanziarie d’Europa

 

a cura della redazione | A Novi Ligure, dal 23 al 26 settembre, un evento culturale di alitssimo livello si terrà avendo la numismatica come protagonista principale: si tratta della Festa della moneta e delle fiere di cambio che – partendo dall’importante ruolo di snodo finanziario svolto nel XVIII secolo dalla città piemontese, coinvolgerà studiosi, artisti, gruppi di rievocazione storica e valorizzando monumenti, patrimoni e conoscenze dei tipi più diversi.

Luca Gianazza, ricercatore numismatico indipendente e fra i relatori delle conferenze in programma a Novi Ligure
Luca Gianazza, ricercatore numismatico indipendente e fra i relatori delle conferenze in programma a Novi Ligure

“Tra il 1621 e il 1692 – ci spiega Luca Gianazza, ricercatore numismatico il cui sito potete scoprire cliccando qui – Novi Ligure fu sede di una delle maggiori fieri di cambio d’Europa, dove i mercanti genovesi muovevano ingenti capitali, giocando un ruolo primario nel traffico dell’argento lungo l’intero Mediterraneo”.

E ancora: “Come indicato nel titolo stesso, è una festa incentrata su due elementi chiave: la moneta (esaminata per una volta più come strumento economico che non in chiave archeologica o storica, come generalmente fatto nei corsi universitari) e le fiere di cambio.

I due elementi sono presentati insieme perché questa festa è l’occasione per ripensare il ruolo della moneta nelle fiere di cambio. Alla luce delle ultime ricerche, infatti, le fiere di cambio non vanno più viste solo come luoghi in cui si realizzarono consuntivazioni di conti ricorrendo alle famose ‘lettere di cambio‘ (ossia, uno strumento contabile che permetteva di ovviare all’uso di moneta reale), ma momenti in cui le monete metalliche erano fisicamente presenti e impiegate, in quantitativi sorprendenti”.

Novi LigureIl programma completo della manifestazione – che comprende concerti e spettacoli, iniziative di educazione finanziaria rivolte ai giovani e molto altro – può essere scaricato cliccando qui; per quanto riguarda gli eventi di maggior interesse numismatico e legati alla storia della moneta, segnaliamo in ordine di svolgimento:

  • Venerdì 24 settembre ore 16.30, AUDITORIUM DELLA BIBLIOTECA CIVICA

Inaugurazione della mostra Monēta. Colei che avverte, esposizione numismatica dalla collezione di Francesco Melone, a cura di Eleonora Gatti e Francesco Melone (intervengono i curatori).

  • Venerdì 24 settembre, ore 18.00, SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA CIVICA

Presentazione del volume Money, di Andrea Kerbaker (La nave di Teseo, 2021), conversa con l’autore il giornalista Gualberto Ranieri (BBC, RAI, Il Mattino, Comunicazione Gruppo Fiat).

  • Sabato 25 settembre, ore 9.30, SALA CONSULTAZIONE DELLA BIBLIOTECA CIVICA

Inaugurazione del fondo dedicato alle fiere di cambio, istituito presso la Biblioteca Civica di Novi Ligure, interviene Renzo Repetti (Università di Genova – Laboratorio di Public History).

  • Sabato 25 settembre, ore 10.30, SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA CIVICA

Presentazione dell’Archivo Simón Ruiz presso la Fundación Museo de las Ferias, intervengono Antonio Sanchez del Barrio (Fundación Museo de las Ferias, Medina del Campo) e Claudio Marsilio (Università di Verona), modera Fausto Fioriti (Università di Genova).

  • Sabato 25 settembre, ore 15.30, SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA CIVICA

Presentazione del progetto internazionale sul mercato dei cambi tra 1580 e 1640, intervengono Luca Gianazza (The Royal Numismatic Society), Tommaso Brollo (Università di Siena), Antonio Sanchez del Barrio (Fundación Museo de las Ferias, Medina del Campo), Claudio Marsilio (Università di Verona), modera Fausto Fioriti (Università di Genova).

  • Domenica 26 settembre, ore 10.00, SALONE DI PALAZZO PALLAVICINI

Tavola rotonda Le fiere di cambio e la moneta nella storia; il mondo delle criptovalute nel futuro, intervengono Luca Lo Basso (Università di Genova), Paolo Calcagno (Università di Genova), Davide Varni (Business analyst ed esperto di criptovalute).

Tutte le manifestazioni sono ad accesso libero e gratuito, subordinate alle normative nazionali a tutela del contenimento dell’epidemia di Covid-19 (esibizione di Green Pass o tampone negativo in corso di validità e misurazione delle temperatura prima dell’accesso ai locali, obbligo di mascherina per assistere agli eventi che si tengono al chiuso). Per saperne di più si può consultare il sito del Comune di Novi Ligure a questo indirizzo.