Palazzo Schifanoia: l’oro degli Estensi tra MONETE E MEDAGLIE

228

Inaugurata da Vittorio Sgarbi, la mostra è incentrata sugli affreschi del Salone dei Mesi e sui capolavori di arte e cultura ferraresi, tra cui monete e medaglie

 

a cura della redazione | Il 2 giugno scorso, posticipata a causa dell’emergenza coronavirus, si è finalmente aperta a Ferrara, a Palazzo Schifanoia, la splendida mostra Schifanoia e Francesco del Cossa. L’oro degli Estensi che rimarrà visibile al pubblico fino al 13 settembre 2020, con ingresso contingentato nella misura di 15 visitatori ogni 30 minuti.

“Il 1450 è l’anno in cui morì Leonello d’Este e gli successe Borso. Leonello sostituiva al piacere delle armi quello per l’arte e la bellezza – ha spiegato Marco Gulinelli, assessore alla cultura del Comune di Ferrara, nel corso dell’inaugurazione – e proprio in quell’anno Ferrara consolidò il primato di essere la città del Rinascimento umanista”.

Medaglia di mm 55 fusa in bronzo (1502?) con i ritratti di Alfonso d'Este, duca di Ferrara (1476-1534) e Lucrezia Borgia
Medaglia di mm 55 fusa in bronzo (1502?) con i ritratti di Alfonso d’Este, duca di Ferrara (1476-1534) e Lucrezia Borgia

Un Rinascimento che portò non soltanto alla città emiliana, ma all’Italia intera e alla sua cultura nuova e scintillante luce, e proprio la luce è protagonista anche del recente restauro di Palazzo Schifanoia volto alla valorizzazione degli affreschi del Salone dei Mesi di Francesco del Cossa. Un moderno sistema di faretti permette infatti di ammirare l’opera in tutta la sua bellezza, secondo i progettisti “come nemmeno nel Quattrocento, appena realizzati, si sarebbero potuti vedere”.

Magnifiche medaglie di Pisanello esposte nella mostra aperta a Palazzo Schifanoia, a Ferrara, fino al prossimo settembre
Magnifiche medaglie di Pisanello esposte nella mostra aperta a Palazzo Schifanoia, a Ferrara, fino al prossimo settembre

Tra le opere in esposizione si possono ammirare una magnifica Madonna col Bambino di Domenico di Paris, la seconda Bibbia di Borso d’Este e, per il piacere di tutti i numismatici, un’inedita collezione privata di monete e medaglie, le prime coniate dalla zecca di Ferrara e tra cui figura il famoso ducato con il ritratto di Borso. Tra le medaglie, invece, fenomenali esemplari di fusioni pisanelliane.

Per visitare la mostra Schifanoia e Francesco del Cossa. L’oro degli Estensi è gradita la prenotazione, che può essere effettuata online attraverso questo link.