a cura della redazione | Caffè o champagne? Apollo o Dioniso? Nel corso del XIX secolo, Dioniso è stato raffigurato come il dio del rapimento e dell’estasi, l’incarnazione del nostro subconscio. Ma come, di fatto, gli antichi Greci vedevano il loro dio? Potremo approfondire le risposte a questa domanda analizzando alcune delle monete che saranno vendute nella prossima asta Hess Divo AG (la numero 335), che si terrà il 6 dicembre 2018 a Zurigo.

Iniziamo con l’immagine raffigurata su una bella tetradramma, che è stata coniata nella città tracia di Abdera tra il 365 e il 361, e che appare senza dubbio spettacolare. Dioniso è infatti in sella a una pantera. Tuttavia, a ben vedere, lui non è tanto che stia usando l’animale come una cavalcatura, bensì come una specie di klinai, cioè un letto su cui si sdraia mentre si concede un “distratto carosello”.

Abdera, ttradramma, intorno al 365-361 a.C. Estremamente raffinato. Stima: 125.000 CHF

La testa di Dioniso è coronata di edera, ha in mano il kantharos nella mano destra, con la sinistra sorregge il tirso, un mazzetto di finocchio gigante coperto di edera e foglie di vite sormontato da una pigna. Questi simboli – kantharos, foglie di vite, tirso – servono tutti a caratterizzare Dioniso come il dio del vino, del rapimento (compreso quello a scopo sessuale), dfella frenesia o – come è stato indicato nei tempi antichi – dell’estasi. Ma come è possibile che un dio con attributi come questi sia stato raffigurato su una moneta e sia divenuto così un simbolo di identificazione all’interno del cosmo ben ordinato di una polis?

Se davvero ci poniamo una domanda del genere, non c’è dubbio siamo caduti in un equivoco originatosi nel XIX secolo. Fu Friedrich Nietzsche che ha infatti trasformato Dioniso nel grande avversario – quasi agli antipodi – dell’allegro e gioioso Apollo della polis greca. “Nobile semplicità e calma grandezza”, avevano la caratterizzato Grecia antica agli occhi dell’Occidente, in nome di Apollo. Tuttavia, secondo Nietzsche, la natura e l’estasi – la stessa cosa che Freud poi avrebbe indicato come “Es” – sono state anche radici dell’antichità greca. Possiamo facilmente comprendere questo ragionamento. Dopo tutto, Nietzsche aveva lavorato come professore associato di filologia classica presso l’Università di Basilea dal 1869. Sapeva di cosa stava parlando, anche secerte sue considerazioni eccedevano ampiamente i confini della filologia.

Naxos, tetradramma, intorno al 461-460 a.C. Estremamente raffinato. Stima 100.000 CHF

Passiamo quindi a vedere come i Greci vedevano effettivamente Dioniso. Cerchiamo di impostare le cose in chiaro. Contrariamente alle convinzioni di studi religiosi studiosi fino al XX secolo, Dioniso non è un dio “straniero” per i Greci. Con la decifrazione della scrittura micenea, abbiamo scoperto che coloro che hanno costruito fortezze ciclopiche della Grecia erano già a conoscenza di questa figura. Tuttavia, numerosi miti su di lui rivelano che alcuni governanti non gli stavano mostrando rispetto. Di conseguenza, Dioniso si trasforma in un dio che deve fare grandi sforzi in modo che la sua natura divina venga riconosciuta e per essere adorato nei santuari delle polis.

Taso, statere, intorno al 540-525 a.C. Estremamente raffinato. Stima 7.500 CHF

Visti i presupposti e i rituali, il “partito” di Dioniso sarebbe ancora oggi in grado di portare la polizia nelle strade per fermare gente a causa del bere eccessivo e di “celebrazioni turbolenti” durante la notte. Senza contare le “orge” che, infatti, si sviluppano in questo contesto e fanno anch’esse parte del rituale. Equipaggiato con il tirso, con otri e brocche, immerso nella natura in modo da aprire ai suoi adepti i confini dell’estasi (che diviene con lui in qualche modo mistica), insomma in contesto di forte carica sessuale, sicuramente quanto si sviluppava tra menadi e satiri erano rapporti tutt’altro che platonici. Nota Euripide nel suo gioco Ion che il suo giovane eroe era un figlio illegittimo generato da un incontro baccanale. Allo stesso modo, egli ci assicura nelle sue Baccanti che nessuna donna – nemmeno la più rispettabile – avrebbe mai rinunciato alla licenziosità durante i rituali di Dioniso.

Menade danzante: bassorilievo dal teatro di Italica (Spagna), età augustea. Museo archeologico di Siviglia

In ogni caso, il re degli Edoni Traci, Licurgo, era disgustato da ciò che stava accadendo nel nome di un dio. Si dice che scacciò Dioniso e tutti i suoi seguaci femminili ed Eschilo insinua addirittura che il re preferisse la birra al vino! Un’altra testimonianza scritta osserva che Licurgo aveva violentata sua madre in una frenesia dionisiaca. Presumibilmente, fu per questo che finì per essere scandalizzato da questo culto a tal punto da bandire Dioniso dal suo regno.

Quale che sia la “mitologica realtà”, Dioniso punì Licurgo con la pazzia. Si dice che il re, impazzito, scambiò il figlio per un fusto di edera. Come sappiamo, l’edera rampicante soffoca alberi anche preziosi. Pertanto, Licurgo provò il bisogno di sbarazzarsi di questa pericolosa pianta. Ma i colpi finivano sul figlio tagliandogli naso, orecchie, dita, mani e piedi fino a morire dissanguato.

Mende, tetradramma, intorno al 450-425 a.C. Estremamente raffinato. Stima 50.000 CHF

Niente sarebbe germogliato né cresciuto più in quei luoghi finchè Licurgo non fosse adeguatamente punito. Se poi sia morto squartato da cavalli, sbranato da pantere oppure sepolto sotto una frana di rimane una disputa tra gli scrittori.

Tebe, statere di Epaminonda, prima del 362 a.C. Estremamente raffinato. Stima 7.500 CHF

La stessa Tebe aveva una connessione distintiva e forte con Dioniso. Non per nulla, l’anfora è una delle immagini più importanti sulle monete di Tebe e Orchomenus: re Minyas di Orchomenus – che era un membro della Lega beota come Tebe – aveva tre figlie che avevano rifiutato di adorare Dioniso che volle punirle. Improvvisamente, latte e nettare trasudarono dai loro telai per tessere e Dioniso apparve in forma di toro, leone e leopardo. Spaventò così tanto le ragazze che queste si unirono immediatamente alle menadi e delle tre, la sorella maggiore, arrivò a massacrare e mangiare il proprio figlio.

Tebe, statere, intorno 440-380 a.C. Estremamente raffinato. Stima 1.000 CHF

Evidentemente, Dioniso non un dio affatto amichevole o incline alla pietà. È piuttosto una divinità degli estremi più violenti che corrispondono agli effetti e ai fenomeni più spietati della natura. Come parte dei suoi rituali, animali come capri, cervi, o anche tori venivano strappati a parte a mani nude e la loro carne cruda divorata subito dopo.

Ainos, Tetradramma, circa 400-370 a.C. Estremamente fine. Stima: 50.000 CHF

L’animale sacrificale – su questa moneta di Ainos è possibile vedere un caprone in piedi di fronte ad un’anfora di vino che è coronato da una corona di edera – simboleggia il dio stesso che è morto e risorto per il bene dei suoi seguaci. Sappiamo di questo mito a causa di un documento scritto del V secolo d.C., quando l’animale era stato sostituito da foglie di edera, che i mistici di Dioniso strapparono e masticarono. La stessa fonte ci dice anche che Dioniso era figlio di Zeus e Semele.

Suo padre lo amava così ardentemente, gli fu persino permesso di sedersi sul trono e giocare con lo scettro. Inutile dire che Hera era gelosa. Mandò i Titani che andarono a distrarre Dioniso con uno specchio. Nel momento in cui lui si distrasse, lo uccisero, lo fecero a a pezzi, cucinato e mangiato. Quando Zeus ricevette la notizia scagliò il suo fulmine ai Titani. E la madre degli dei, Rea, riportò in vita il giovane Dioniso.

Naxos (Cicladi), Statere, 520-490 a.C.. Quasi estremamente fine. Stima: 6.500 CHF

Questo racconto è la base di tutti i misteri di Dioniso. Dioniso non era solo un dio dei culti ufficiali e urbani. A lui era dedicata anche una religione segreta, probabilmente più importante dei misteri Demetra di Eleusi. Mentre questi ultimi erano inestricabilmente legati a Eleusi, i misteri di Dioniso si potevano trovare in tutti quei luoghi in cui un sacerdote errante li aveva fondati.

Questi misteri promettevano una vita eterna a tutti i seguaci. I mistici di Dioniso ripercorrevano la vita dopo la morte come una sorta di eterna processione nuziale in cui avrebbero seguito Dioniso, lo sposo, in estatica allegrezza. Per dimostrare che un defunto credeva in Dioniso, uno specchio fu messo nella tomba. Uno specchio proprio come quello che il giovane Dioniso aveva tenuto in mano prima di essere preso in giro dai Titani.

Il famoso Cratere Derveni. Si tratta di un magnifico vaso di miscelazione che è stato scoperto nella tomba B di Derveni. È probabile che indichi che la persona sepolta era un seguace di Dionysos. Si trova al Museo archeologico di Salonicco

Le innumerevoli immagini del culto di Dioniso che possiamo scoprire su sarcofagi, giare e altri oggetti che hanno avuto un ruolo importante come oggetti sepolcrali sono probabilmente collegati a questo.

Quindi, Dioniso potrebbe essere stato un dio controverso, ma molto importante nel mondo greco e uno in cui molti stati hanno dedicato il proprio culto. Come ha fatto Atene, ovviamente. Anche se Dioniso non compare sulle monete classiche, in suo onore sono state organizzate diverse celebrazioni: l’Anthesteria, un tipo di festa primaverile che inizia la stagione della marineria, la Lenaia, incentrata sulla spremitura del vino, e l’Orebasia, che ha visto il donne di Atene che salgono sulle montagne per svegliare Dioniso dormiente.
Le Dionisia sono particolarmente importanti per noi. Ci hanno regalato le più belle storie mai pubblicate dalla letteratura greca: i drammi di Eschilo, Sofocle ed Euripide, che vengono eseguiti fino ad oggi e continuano a toccare profondamente qualsiasi pubblico.

L’assoluta importanza delle esibizioni al Teatro di Dioniso riguardo al senso di comunità degli Ateniesi è al di là dell’immaginazione per noi oggi, visto che siamo costantemente allagati dai media. La morale di questi spettacoli deve essere stata oggetto di discussioni in tutta la città. L’identità del cittadino, i suoi ideali e il loro senso della giustizia sono stati tutti influenzati dalle rappresentazioni teatrali nel contesto del culto di Dioniso. E non era solo il caso di Atene. Lo stesso accadde anche in altre città greche che avevano propri teatri.

Seleucus I. Tetradramma, Susa, 305-295 a.C.. Estremamente fine. Stima: 2.500 CHF

Dioniso era un dio una comunità civica e anche i governanti erano orgogliosi di adorare. Ecco perché i re ei politici antichi amavano definirsi NeosDionysos. Seleucus, ad esempio, rappresenta Alessandro Magno con un elmo ricoperto di pelliccia di pantera – una pantera molto simile a quella che Dioniso cavalca sulla nostra prima moneta.

I miti di Dioniso ci insegnano che l’estasi, la celebrazione euforica della vita, la sessualità e la procreazione fanno parte dell’esistenza di ciascuno. Ci deve essere tempo e spazio per tutti questi aspetti facendo in modo che tutti noi esauriamo e sperimentiamo ciò che la vita umana ha da offrirci.