Verso VERONAFIL 133: lettera dell’Associazione SCALIGERA

395

Una lettera dell’Associazione Scaligera fa il punto sull’aspetto sicurezza del più importante evento italiano del settore e sulle novità in merito

 

a cura della redazione | L’Associazione Filatelica Numismatica Scaligera di Verona, che organizza ogni anno le due edizioni di Veronafil, la più importante manifestazione collezionistica d’Italia e tra gli eventi più frequentati in Europa ci ha inviato copia della lettera inviata ai Numismatici Italiani Professionisti e ai Numismatici Italiani Associati in merito alle problematiche di sicurezza e organizzative emerse nell’edizione dello scorso maggio.

Su gentile richiesta del presidente Michele Citro, portiamo a conoscenza dei lettori le linee di azione emerse finora dal confronto con le due associazioni di settore e che verranno implementate a partire da Veronafil 133, che si terrà il 22-24 novembre prossimi.

Riportiamo in sintesi quanto comunicato e la redazione di Cronaca numismatica resta disponibile ad accogliere eventuali repliche e considerazioni degli altri soggetti coinvolti e nell’auspicio che tutte le realtà continuino ad agire per la serenità del mercato numismatico e filatelico e di ogni collezionista che vede in Verona un appuntamento irrinunciabile.

Controllo pass e ingressi

Nell’edizione di maggio la Polizia Locale di Verona intervenne presso la Fiera obbligando all’apertura dei cancelli e quindi autorizzando ingressi indiscriminati poiché si era creato un notevole ingorgo nelle strade nei pressi della Porta C. Ciò non ha permesso, da parte degli addetti, un capillare controllo dei pass di espositori e loro collaboratori, né per quanto riguarda le singole persone né i veicoli.

La Scaligera intende adottare dei limiti, un pass auto e massimo tre pass personali per ciascun espositore, in modo da snellire il controllo agli ingressi e renderlo, contestualmente, più capillare.

Esposizione dei pass durante la manifestazione

Si richiede che tutti gli operatori e i loro collaboratori in possesso di regolare pass lo espongano in modo visibile durante tutta la durata della fiera. Ogni operatore, inoltre, dovrà fornire in tempo utile – almeno entro 20 giorni prima della manifestazione – sia i nominativi cui intestare i pass sia le targhe dei veicoli che dovranno accedere ai cancelli, segnalando tempestivamente eventuali sostituzioni.

Guardie giurate armate addette alla sicurezza

Un adeguato numero di guardie armate autorizzate pattuglierà costantemente il settore numismatico. E’ invece impossibile – come richiesto dalle associazioni – limitare e controllare l’accesso alle singole corsie in quando è d’obbligo consentire il libero passaggio dei visitatori in ogni area.

L’idea è quella di posizionare uno stand, come sempre predisposto, a disposizione delle Forze dell’Ordine (Carabinieri o Polizia) che manterranno uno stabile presidio nel padiglione.

Oculato controllo del proprio materiale

La Scaligera ricorda che, come da art. 13 delle domande di ammissione alla fiera, “ciascun partecipante è responsabile della diligente e costante custodia della propria merce e valori”. Ciò significa che specie i materiali pregiati, ma ciò vale per ogni merce in vendita, dovranno a cura del venditore essere adeguatamente protetti.

Ingresso a pagamento

Tale ipotesi non è attuabile dal momento che, proprio per favorire il commercio e il collezionismo, l’ingresso è stato sempre gratuito per scelta dell’Associazione Scaligera.

Telecamere di controllo

I rappresentanti di Veronfiere confermano e ribadiscono come tutto lo spazio del padiglione sia coperto da telecamere.

La visione dei filmati, tuttavia, come ben noto è riservata per legge alle Forze dell’Ordine a seguito di denuncia.

Carico/scarico dei materiali e relative entrate

La Scaligera ha allo studio soluzioni per migliorare questo delicato aspetto, che si comprende cruciale per gli operatori commerciali.

Nonostante la possibilità di creare zone transennate e percorsi obbligati, tuttavia, per la sicurezza di tutti coloro che sono presenti nel padiglione è fatto obbligo di tenere aperte tutte le porte laterali sulle quali, tuttavia, verrà effettuato un maggior controllo.

Parcheggi

Veronafiere ci ha comunicato che per l’edizione di novembre di Veronafil potrebbero verificarsi problemi e inconvenienti a causa della variazione di data di FieraCavalli, che porterà ad una notevole riduzione dell’area parcheggi tradizionalmente disponibile per gli operatori di Veronafil.

Sarà accessibile solo un’area adiacente al padiglione per le operazioni di carico e scarico. Saranno tuttavia disponibili, messe a disposizione da Veronafiere, parcheggi gratuiti nell’area Ex Magazzini Generali (di fronte all’Ingresso San Zeno).

La Scaligera, in definitiva, in collaborazione con Veronafiere metterà in atto tutti gli accorgimenti utili e possibili per cercare di massima sicurezza agli espositori partecipanti alla manifestazione.