Una moneta da 50 pence “IN CODICE” onora il genio di ALAN TURING

118

Dopo la banconota da 50 pound, Alan Turing viene celebrato anche in moneta per il suo fondamentale contributo alla nascita dell’informatica

 

alan turingdi Roberto Ganganelli | Cupro nichel, argento e oro: ce n’è per tutti i gusti – e per tutte le tasche – di monete commemorative dedicate al geniale scienziato britannico Alan Turing (1912-1954) che la Royal Mint ha deciso di onorare per chiudere la serie Innovation in Science inaugurata alcuni anni or sono e che è avuto già come protagonisti Charles Babbage, John Logie Baird, Rosalind Franklin, Stephen Hawking e la scoperta dell’insulina.

Gli eccezionali risultati raggiunti da Alan Turing spaziano invece dalla formulazione di teorie rivoluzionarie nel campo dell’informatica, in cui fu uno dei pionieri, della matematica e della biologia senza contare l’ingegnosa decifrazione dei codici crittografici nazisti durante la Seconda guerra mondiale.

Centinaia di dispositivi elettromeccanici collegati permettevano il funzionamento di "Bombe", la macchina decrittatrice ideata da Alan Turing e usata per forzare i codici di "Enigma" durante la guerra
Centinaia di dispositivi elettromeccanici collegati permettevano il funzionamento di “Bombe”, la macchina decrittatrice ideata da Alan Turing e usata per forzare i codici di “Enigma” durante la guerra

La vita e il lavoro del “padre dell’informatica” hanno ispirato il nuovo design della 50 pence affidata all’estro artistico di Matt Dent e Christian Davies. Il rovescio della moneta presenta il nome dello scienziato britannico accanto a una rappresentazione di un dettaglio della macchina Bombe usata durante la Seconda guerra mondiale.

In omaggio ad Alan Turing, inoltre, i designer hanno incorporato delle stringhe di lettere della parte destra – apparentemente “senza senso”, come fossero parole criptate – alcune sequenze di parole nascoste tra cui una citazione di Turing e le stesse iniziali degli autori.

Per il resto, la moneta mostra uno dei dispositivi rotanti che permettevano la decrittazione dei messaggi generati da un’altra famosa macchina impiegata dai tedeschi, Enigma.

Codici segreti nella moneta (1): il campus di Cambridge

Per quanto riguarda i tre “codici segreti” nella moneta, il primo è GEARS.GRIN.THAN e corrisponde ad una combinazione univoca di tre parole espressa nel goecodice What3words.

Questo è un sistema progettato per identificare qualsiasi luogo del pianeta con una precisione di circa 3 metri e codifica le coordinate geografiche in tre parole fisse del dizionario inglese.

Ad esempio, la porta d’ingresso del famoso “numero 10 di Downing Street” a Londra, residenza del primo ministro britannico, è identificata dalla stringa SLUR.THIS. SHARK. Nel caso della moneta, GEARS.GRIN.THAN indica la città universitaria di Cambridge dove Alan Turing compì i suoi studi prima di essere “arruolato” nella base segreta di Bletchey Park.

Codici segreti nella moneta (2): la profezia di Alan Turing

Una seconda stringa “occulta” contiene invece una citazione di Alan Turing, parte di un’intervista rilasciata al quotidiano The Times nel giugno del 1949 e che recita profeticamente, a proposito dei risultati raggiunti dalla scienza dell’informazione e delle potenzialità di questo nuovo campo del sapere e della tencologia: ONLY A FORETASTE OF WHAT IS TO COME, vale a dire “E’ solo un’anticipazione di quello che verrà”.

 

Codici segreti nella moneta (3): le iniziali dei due designer

Ci sono infine, sulle monete da 50 pence che concludono la serie Innovation in Science, le iniziali MD e CD dei due autori Matt Dent e Christian Davies (CD AND MD).

Al dritto, comune a tutte le monete della serie, il ritratto ufficiale e “definitivo” – opera dell’artista Jody Clark –    dell’inossidabile regina Elisabetta II che ha da poco festeggiato il suo giubileo di platino sul trono del Regno Unito.

 

Tutte le versioni della 50 pence: caratteristiche e prezzi

La moneta da 50 pence per Alan Turing è realizzata nella consueta forma a sette lati, diametro 27,30 millimetri, ed è disponibile in cupro nichel BU (8,00 grammi, prezzo 10 sterline alla fonte) oppure in argento proof (8,00 o 16,00 grammi, prezzi base di 57,50 e 102,50 sterline) e addirittura in oro proof (soli 210 pezzi disponibili al peso di 15,50 grammi, prezzo di 1150 sterline). Il tutto, presso i rivenditori specializzati oppure nel sito della Royal Mint cliccando qui.

Se invece volete saperne di più sulla banconota da 50 sterline che la Bank of England ha introdotto in circolazione lo scorso anno, e che è dedicata sempre ad Alan Turing, non avete che da leggere il nostro articolo cliccando qui.

alan turing